Menu

Pontelongo, ricettatore smascherato dall'iPad

Appena lo ha acceso è stato tradito dal segnale wi-fi: in casa aveva materiale tecnologico rubato per 10 mila euro

PONTELONGO. Grazie al segnale lanciato dall'iPad acceso incautamente, i carabinieri sono risaliti a un ricettatore di apparecchi tecnologici: notebook, smart phone, iPhone e cellulari di vari tipi. H.B., 41 anni, marocchino regolarmente in Italia e occupato come operaio, è stato denunciato per ricettazione.

Le indagini dei carabinieri di Codevigo sono iniziate un paio di settimane fa, quando sono stati informati che a Pontelogno era stato rilevato il segnale wi-fi di un iPad rubato nei primi giorni del mese a Cattolica. I militari hanno avviato una serie di verifiche fin quando, l'altro ieri, sono arrivati in casa di H.B.

Sulle prime l'uomo ha cercato di tergiversare, ma i carabinieri hanno presto capito che aveva qualcosa da nascondere. Anzi, di cose da nascondere ne aveva molte. Non solo i militari hanno trovato l'iPad, che essendo stato acceso incautamente da H.B. aveva lanciato via wi-fi il segnale per indicare dove si trovava, ma hanno rinvenuto un vero bazar di apparecchi tecnologici di ultima generazione. In una stanza dell'abitazione dell'operaio erano nascosti un altro iPad, tre computer portatili, tre smart phone e un iPhone: tutti sono risultati rubati, come testimoniano le varie denunce raccolte, tra il 22 giugno e il primo
luglio fra Cattolica, Cesenatico, Rimini, Milano, Crespano del Grappa e Caorle.

H.B., che risulta incensurato, è stato denunciato per ricettazione. Il materiale recuperato dai carabinieri di Codevigo, per un valore di oltre 10 mila euro, verrà ora riconsegnato ai legittimi proprietari.

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro