Menu

Cosecon, richieste di condanna fino a 2 anni per gli 11 imputati

La vendita della Cosecon, azienda di Trasporti ecologici, effettuata con "perizie gonfiate". Ecco le richieste di condanna del pubblico ministro nei confronti degli 11 imputati. Ma la prescrizione si avvicina

PADOVA. Richieste di condanna dell'accusa per il processo Cosecon. La sentenza sarà emessa il 20 giugno prossimo. Secondo la pubblica accusa la compravendita della Trasporti ecologici dai privati alla spa (nata come consorzio del Conselvano, ora denominata Attiva) si sarebbe basata su una perizia gonfiata, anche se la metodologia usata non sarebbe stata scorretta.

Sul banco degli imputati per truffa, abuso d'ufficio e falso (contestati a vario titolo) l'imprenditore Giancarlo Andolfo, (chiesti 2 anni e 6 mesi) con i titolari del Centro Riciclo Monselice Ennio Bertin, 1 anno e 4 mesi, Umberta Bertin, 2 anni e 4 mesi e Fernanda Ghedin, 1 anno e 4 mesi; gli ex consiglieri di amministrazione Cosecon Massimo Bison di Tribano, 1 anno e 8 mesi, Luigi Valmer Masiero di Anguillara, un anno e 8 mesi, e Giuseppe Violato di Bagnoli, 1 anno e 8 mesi; l'ex presidente Cosecon Renato Marcolin di Bagnoli, 1 anno e 8 mesi e il commercialista Francesco Marchesini di Este, due anni, l'ex sindaco
di Tribano Natalino Zambolin, 1 anno e 6 mesi e Gianni Baraldo, 1 anno e 6 mesi.

Cosecon si è costituita parte civile con l'avvocato Piero Someda. Intanto la prescrizione marcia velocemente: non a caso lo scorso luglio è stato pronunciato il non luogo a procedere per alcuni imputati.

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro