Menu

Estorsione a un commerciante, arrestati due giovani veneti

Chiedono 30 mila euro con minacce di morte a un negoziante di Boara Pisani. Presi con un blitz dei carabinieri

BOARE PISANI. Inizialmente poteva sembrare uno scherzo tanto la situazione pareva inverosimile: sulla falsariga di quanto si vede nei film, pochi giorni fa, un commerciante, titolare di un negozio di abbigliamento di Boara Pisani, riceve una lettera anonima, scritta al computer, contenente delle minacce di morte - indirizzate anche nei confronti del suo nucleo familiare - con una esplicita richiesta di denaro: 30 mila euro in contanti per evitare conseguenze.

Dettagliate anche le istruzioni sulle modalità di consegna: la vittima avrebbe dovuto depositare il denaro in un luogo ben specificato e facilmente controllabile a distanza. Incredulo ma anche preoccupato, non sapendo come comportarsi,
l'imprenditore si è rivolto ai carabinieri, che iniziano a indagare sul caso.

Viene attuato quindi un dispositivo per esaudire le richieste dei criminali e coglierli con le mani nel sacco. La consegna del denaro è fissata nella zona industriale di Stanghella per le 22.30 di ieri, 2 giugno, festa della Repubblica: una scelta data forse non casuale, visto che molti uomini e mezzi delle forze dell'ordine erano impegnati nelle cerimonie.

Ma i carabinieri, dopo aver effettuato un sopralluogo sulla zona, si predispongono nei pressi dell'obiettivo già dalle prime luci dell'alba. Il tempo passa e l'attesa si fa snervante ma alla fine la pazienza degli uomini in
divisa viene premiata: due giovani, dopo vari passaggi di ricognizione, raggiungono con una moto il luogo prescritto per la consegna del denaro. Sono certi di passare inosservati ma la moto ha comunque la targa coperta: prelevavano rapidamente la borsa depositata in precedenza dalla vittima e si allontanano a tutta velocità. La loro fuga però dura solo pochi secondi perché si materializzano immediatamente le pattuglie degli uomini dell'Arma.

Gli estortori vengono immediatamente
immobilizzati e il denaro sottratto alla vittima viene subito recuperato. E qui un'altra sorpresa: non si tratta di due criminali incalliti ma di due giovani veneti, di 22 e 20 anni, il primo autotrasportatore e il secondo disoccupato. Evidentemente avevano pensato a un modo per far soldi subito.

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro