Menu

Aperta tutta la strada del Santo

Ma già si pensa al raddoppio: due corsie infatti sono troppo poche per il volume di traffico

CAMPOSAMPIERO. Si completa la nuova regionale 308 «del Santo», ma è già tempo di pensare al suo raddoppio. Ieri è stato inaugurato l'ultimo tratto della strada che collega Padova Est alla circonvallazione ovest di Castelfranco Veneto. Alla cerimonia il vicepresidente della Provincia Roberto Marcato ha parlato di «un sogno: vedere in tempi brevi le quattro corsie lungo la nuova strada del Santo» che, come tutti sanno, è nata già vecchia. Dal 7 novembre 2007, data dell'apertura della strada a Borgoricco, sono passati 3 anni e mezzo e oggi la si percorre fino a Castelfranco senza più semafori o interruzioni. Ma nelle ore di punta, in mezzo ai camion, si procede in colonna costante.

«Abbiamo liberato i centri abitati di Campodarsego, Camposampiero, Loreggia ed ora Resana dal traffico pesante e da parte di quello leggero, ma è importante ora pensare concretamente all'allargamento a due corsie per ogni senso di marcia» ha ribadito Marcato. E l'assessore regionale alla Viabilità, Renato Chisso, ha colto l'occasione per assicurare che «ci siamo già; ho la certezza che arriveremo al raddoppio di questa arteria».

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha esordito precisando: «Stamattina ho voluto fare la vecchia strada per arrivare fino a qui e mi sono reso conto come da oggi, anziché 2 ore da Castelfranco a Padova ci metteremo 25 minuti. Questo è un altro passaggio della nostra politica per la sicurezza sulle strade, vera priorità per il Veneto che ho sempre seguito fin da presidente della Provincia di Treviso dove il nostro progetto rotatorie, con 450 opere realizzate ha contribuito a ridurre da 180 a 60 i morti all'anno, sulle strade». Infine non poteva mancare l'attualità: «I giovani tunisini che arrivano coi barconi
in jeans, scarpe firmate e telefonino qui non li vogliamo e non arriveranno! In Tunisia la vita è ripresa regolarmente e le aziende lavorano. In Veneto abbiamo 130.000 disoccupati che hanno la precedenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro