Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Venetista trattenuto dai carabinieri perché mostra la patente veneta

Gabriele De Pieri

Gabriele De Pieri, di Loreggia, fermato in auto da una pattuglia a Campodarsego per un normale controllo dopo un sorpasso. Si dichiara "presidente dello Stato di Padova della Repubblica Veneta" e resta quattro ore in caserma. "Non sono italiano, e loro non hanno sovranità sul territorio veneto". In suo soccorso il "presidente dello Stato di Treviso"

CAMPODARSEGO. Incidente "diplomatico" ieri pomeriggio a Campodarsego: i carabinieri si sono permessi di fermare Gabriele De Pieri, 43 anni, presidente dello "Stato di Padova della Repubblica Veneta", e persino di trattenerlo quattro ore in caserma prima di lasciarlo andare con una sfilza di verbali di multa. Non una burla di Carnevale, ma un episodio che accade nella zona che è stata la culla dei Serenissimi, quelli del Tanko battezzato "Marcantonio Bragadin", che nella notte tra l'8 e il 9 ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAMPODARSEGO. Incidente "diplomatico" ieri pomeriggio a Campodarsego: i carabinieri si sono permessi di fermare Gabriele De Pieri, 43 anni, presidente dello "Stato di Padova della Repubblica Veneta", e persino di trattenerlo quattro ore in caserma prima di lasciarlo andare con una sfilza di verbali di multa. Non una burla di Carnevale, ma un episodio che accade nella zona che è stata la culla dei Serenissimi, quelli del Tanko battezzato "Marcantonio Bragadin", che nella notte tra l'8 e il 9 maggio 1997 occupò piazza San Marco a Venezia.

E' lo stesso De Pieri, autista di autobus per una ditta che lavora anche per conto di Aps Padova, a raccontare quello che gli è capitato. «Erano le 15.30 e stavo tornando a Loreggia - racconta irritato - lungo la regionale del Santo. Ero fermo al semaforo di Campodarsego. Dietro è arrivata un'auto dei carabinieri". Al verde è ripartito. Ma, trovandosi davanti un veicolo lento, dopo un paio di chilometro l'ha sorpassato.

"La linea di mezzeria era tratteggiata, quindi ho sorpassato in modo regolare", assicura l'autonominato "presidente dello Stato di Padova". Per i carabinieri, evidentemente, così non era. Tant'è che hanno lampeggiato e hanno tirato fuori la paletta intimandogli di accostare.

De Pieri si è fermato all'altezza della trattoria Quaglia, a San Giorgio delle Pertiche. Patente e libretto. "Ho mostrato il libretto e, in anteprima, la nuova patente veneta. Me l'hanno contestata: non è valida. Questo lo dice lei, ho replicato, a casa mia, nel Veneto, è validissima. Ho tentato di spiegare a quei signori che non sono italiano, che loro non hanno sovranità sul territorio veneto. Ma loro niente, non è valida, ci segua in caserma. Ero solo e non avevo testimoni. E visto ciò che è successo a Cucchi, ho detto: gente, non vi seguo, ho bisogno di tutela, sono presidente dello Stato di Padova. E ho chiamato il presidente dello Stato di Treviso, Daniele Quaglia, e anche la Finanza che mi mandasse una pattuglia".

Ma i finanzieri hanno risposto che non si occupano di questi episodi e di chiamare la polizia. "E il 113 mi ha detto di rivolgermi ai testimoni di Geova, che non si occupano delle cose dei carabinieri perché sono una forza di polizia militare. E' incredibile che certe persone, stipendiate da noi, agiscano così. Mi domando in quale paese che si definisce civile una forza militare interferisce con la popolazione civile".

De Pieri è stato fermato. "Mi hanno portato in caserma contro la mia volontà, io non avevo fatto niente di male - afferma - non ero ubriaco. Ho dichiarato di essere cittadino veneto, titolare di sovranità originaria e in virtù di questo fatto non riconosco l'amministrazione né l'autorità italiana sul territorio veneto. In caserma mi hanno spento e ritirato il cellulare, palese violazione dei diritti umani, e mi sono stati sequestrati patente e carta d'identità veneta. Ora sono senza documenti, sono mister X".

Il racconto di De Pieri continua, dettagliato: "Quando è arrivato Quaglia è stato costretto ad aspettare nella guardiola. Mi sono trovato da solo con tre carabinieri che mi facevano pressioni psicologiche. Devi firmare, senno ti si aprono le porte del carcere, continuavano a ripetermi. Io non ho firmato niente. Poi mi hanno lasciato andare con una sfilza di verbali in lingua italiana che non so leggere, mentre li avevo chiesti esplicitamente in lingua veneta. Ma ora mi rivolgo alla Corte europea dei diritti umani».

De Pieri non aveva con sé la patente, quella vera, che per lui è invece falsa: l'aveva lasciata a casa. Così sono scattate le sanzioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA