Menu

Decisione dell'Aato Bacchiglione: da domenica rincara l'acqua

Aumenti in arrivo con il 2011. Sarà l'acqua a costare subito di più. Da domenica aumenta dell'1,05% per gli utenti di AcegasAps e del 2,81% per quelli del Centro veneto servizi di Monselice. La decisione è del Cda, giovedì si esprimerà l'assemblea

PADOVA. Inizio d'anno subito con i primi rincari. Sarà l'acqua a costare di più già a partire da domenica prossima, per i 506.221 padovani serviti da AcegasAps e dal Cvs tra i quali anche alcuni residenti nei comuni alluvionati. Un aumento modesto, inferiore alle previsioni: l'1,05% per gli utenti della società quotata in Borsa e il 2,81% per quelli del Centro veneto servizi di Monselice.

La proposta è stata formulata ieri sera dal Cda dell'Aato Bacchiglione, nella riunione che si è tenuta nella sala dell'Ambito Territoriale di Villaverla di Dueville (Vicenza) sotto la presidenza di Giancarlo Corò, docente di Economia a Ca' Foscari. Gli amministratori dell'Aato, di cui fanno parte 144 comuni, 61 dei quali padovani, hanno deliberato all'unanimità la proposta dell'aumento della tariffa media del consumo dell'acqua potabile. Ma per diventare esecutiva, dovrà essere ratificata giovedì 30 dall'assemblea dei sindaci, che si terrà nel comune di Thiene (Vicenza).

In pratica un metro cubo d'acqua distribuita sia da AcegasAps spa sia dal Cvs della Bassa, costerà non più 1,33289 euro, ma un poco di più. L'aumento chiesto dagli amministratori dell'Aato vicentino-padovano, al momento, è stato ridotto al minimo ed è risultato molto più basso rispetto al 4,66% ipotizzato già l'anno scorso all'interno del piano pluriennale Aato Bacchiglione valido sino al 2014.

L'aumento medio del 1,05% riguarda anche gli abitanti di Padova, Abano, Legnaro, Sant'Angelo di Piove, Piove di Sacco, Brugine, Polverara, Arzergrande, Pontelongo, Correzzola, Codevigo. Quello del 2,81% i residenti di Albignasego, Ponte San Nicolò, Casalserugo, Bovolenta, Bagnoli di Sopra, Conselve, Monselice ed Este, Montagnana, Vo' Euganeo e Arquà Petrarca.

Gli utenti di AcegasAps avranno un aumento annuale minimo: la famiglia tipo (papà, mamma ed un solo figlio) pagherà infatti solo 2 euro in più all'anno: non più 164, ma 166 euro. I residenti, invece, serviti dal Cvs pagheranno l'acqua di più perchè la tariffa media, nel 2011, salirà di 8 euro, da 246 a famiglia a 254.

Ieri pomeriggio erano presenti tutti i politici padovani che fanno parte del Cda Aato Bacchiglione: l'assessore comunale Umberto Zampieri, il sindaco di Vescovana Elena Muraro, il vice-sindaco di Polverara Olindo Bertipaglia ed il sindaco di Este, Giancarlo Piva. Durante la riunione si è anche parlato degli investimenti, che in base alla legge Galli del 1994, sono stati deliberati già l'anno scorso all'interno del piano pluriennale del bacino idrico di competenza.

I lavori, finanziati con 41 milioni per Ca' Nordio, Fossa Bastioni ed altri interventi fognari anche all'interno del nostro Comune, stanno procedendo regolarmente. All'appello, però, mancherebbero 9 milioni
sui 10 stanziati dalla Regione Veneto per Ca' Nordio che, al momento, non risultano essere stati inseriti nel bilancio regionale 2011. Un'interrogazione in consiglio, su questo punto, sarà presentata a breve.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro