Menu

Maltempo, una notte sugli argini dei fiumi
Ora il mare riceve, emergenza verso la fine

E' stata un'altra notte in bianco per molti padovani: a cominciare dai sindaci e dai volontari della Protezione civile, rimasti sugli argini a presidiare i fiumi. Ora il mare riceve, verso la fine dell'emergenza

PADOVA. La prima buona notizia è che la Centrale operativa della Prefettura è stata chiusa stamattina presto. Segno che l'emergenza fiumi appare ormai superata. Ma quella passata è stata una notte difficile per molti, tra cittadini, sindaci, agenti delle forze dell'ordine e volontari della Protezione civile.

Una notte sugli argini con i fiumi sorvegliati speciali. Il Bacchiglione in primis, che ha allagato una parte di Bovolenta e costretto all'evacuazione 230 persone che probabilmente nel primo pomeriggio potranno far ritorno nelle loro case.
E poi il Fratta, canale di collegamento con il Brenta, che si è ingrossato in maniera rapida e pericolosa. Qualche fontanazzo, qualche tracimazione, ma fortunatamente nulla di grave.

C'è stata però la paura. In molti comuni sull'asta del Fratta e degli altri fiumi in piena le amministrazioni comunali, come Pernumia, hanno avvisato, con megafoni e volantini, la popolazione del pericolo, consigliando di dormire al secondo piano delle abitazioni e di portare in alto le cose di valore.

Poi, attorno alle 4, è cambiato il vento, ha smesso di piovere e il mare ha cominciato a ricevere. Allo scirocco si è sostituita la bora e i fiumi hanno potuto iniziare a defluire nell'Adriatico.

Il comandante provinciale dei Carabinieri Renato Chicoli e il prefetto Ennio Mario Sodanno sono andati in mattinata in visita a Bovolenta, per verificare i danni causati dal Bacchiglione e parlare con il sindaco Vittorio Meneghello. 

Aggiornamento alle 11.00. La situazione va migliorando, l'acqua scende. E' stato riaperto il ponte "azzurro" in centro a Bovolenta.

Aggiornamento alle 13.00. Emergenza finita a Bovolenta, gli sfollati stanno
tornando a casa. Riaperta la chiesa già stamattina per la messa delle 8.30. Alle 11 è passato il prefetto in municipio per ringraziare tutti coloro che hanno gestito l'emergenza in questi giorni. La gente torna a casa e afferma: "Stavolta abbiamo avuto tanta paura, ancor più del mese scorso"
 

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro