Quotidiani locali

Torino, Appendino indagata per falso. Lei: "Nulla da nascondere"

Il falso è in relazione al bilancio 2016, nell'ambito dell'inchiesta sull'area ex Westinghouse e si riferisce a un debito di 5 milioni di euro verso Ream scomparso dal bilancio stesso

TORINO. Chiara Appendino indagata per falso ideologico. La sindaca di Torino ha ricevuto un avviso di garanzia per quello che, finora, sembra avere i connotati di un pasticcio combinato al momento di rassettare i conti del Comune: un debito di cinque milioni di euro non iscritto a bilancio. Stesso provvedimento per il capo di gabinetto, Paolo Giordana, e per l'assessore Sergio Rolando. Appendino ha chiesto e ottenuto di essere ascoltata già nel pomeriggio. "E' stata una chiacchierata corretta - afferma in serata - in cui ho chiarito quel che c'era da chiarire. Non ho nulla da nascondere". "E' stato fatto tutto nel rispetto delle regole e lo dimostreremo", dice l'avvocato Luigi Chiappero.

Chiara Appendino sentita dai pm di Torino:"Chiarito tutto, non abbiamo nulla da nascondere" "Non abbiamo nulla da nascondere, sono serena e ho piena fiducia nella magistratura". Lo ha detto la sindaca di Torino, Chiara Appendino, al termine del lungo interrogatorio in Procura a Torino. "Abbiamo agito nell'interesse dei torinesi - ha aggiunto la sindaca - chiarendo quello che c'era da chiarire. E' stata una chiacchierata corretta in cui abbiamo esposto quelli che sono i fatti alla luce di come abbiamo lavorato nell'ambito dell'approvazione del bilancio e tutto l'iter conseguente". La sindaca, insieme all'assessore al Bilancio Sergio Rolando e al capo di Gabinetto Paolo Giordana, è indagata per falso ideologico in atto pubblico.Di ALESSANDRO CONTALDO

Le reazioni. A dettare la linea è Luigi di Maio: "Siamo sotto attacco. Stanno provando ad accerchiarci da tutti i lati e dopo Raggi sono passati a dare addosso alla Appendino. Per fortuna possiamo contare su una magistratura indipendente che non si fa influenzare dal sistema. Ma risponderemo colpo su colpo". Gli esponenti del Pd si trincerano dietro il "garantismo". Spicca su tutti la deputata Paola Bragantini, che arriva a dirsi "umanamente dispiaciuta" per la sindaca e a rivolgerle un "in bocca al lupo", mentre Piero Fassino si augura che "certe esperienze insegnino a tutti che governare è difficile". Il dem Stefano Lo Russo è uno dei due consiglieri comunali di opposizione autori della denuncia in procura; l'altro è Alberto Morano, di area centrodestra, professione notaio. Entrambi, con l'aiuto dell'avvocato Pier Luigi Ciaramella, si sono trasformati in detective e, dopo avere raccolto una mole di carte (comprese le email che, come da protocolli interni, non vengono cancellate), confezionano un corposo dossier. "Le nostre perplessità - commenta Morano - sono evidentemente anche quelle dei magistrati".

La vicenda. Il caso si innesta su una vicenda di routine. La società Rear rivendicava il diritto a riavere la caparra di 5 milioni versata nel 2012 per l'acquisto (non perfezionato) di un'area ex Westinghouse. Per Palazzo Civico sarebbe - secondo la denuncia - una somma da iscrivere alla voce "debito". Ma questo non succede. Il 22 novembre 2016, in vista della compilazione dei bilanci, il capo di gabinetto Giordana invitò la dirigente Anna Tornoni a "riscrivere" la sua relazione evitando i riferimenti ai 5 milioni. La sindaca, il 30 novembre, scrive in un'email interna che la restituzione dei soldi "non è prevista" perché‚ sono in corso "trattative". Il 6 dicembre, però, Rear ribadisce la richiesta: vorremmo i 5 milioni entro gennaio. Inutilmente, nei mesi successivi, la Tornelli ribadì che il debito "andrebbe finanziato nell'esercizio in corso". Palazzo Civico è irremovibile: si deve andare al 2018. Per gli autori della denuncia l'omessa iscrizione a bilancio è un falso ideologico. Non solo. La Tornelli avrebbe pagato la sua intransigenza con la rimozione dall'incarico. "Non è vero niente", ribatte la difesa: "Quanto ai bilanci, le norme parlano chiaro".

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista