Quotidiani locali

Vai alla pagina su Benessere
Salute, parte la Carovana della prevenzione: due unità mobili per le donne disagiate

Salute, parte la "Carovana della prevenzione": due unità mobili per le donne disagiate

Dal 1 ottobre gireranno l'Italia due camper per offrire screening gratuiti al seno. Il progetto, lanciato da Policlinico Gemelli e dall'associazione Komen Italia, partirà da Brescia

ROMA. Prende il via il 1 ottobre da Brescia e percorrerà tutta l’Italia da Nord a Sud, la "Carovana della prevenzione", il nuovo progetto ideato congiuntamente dalla Fondazione Policlinico Gemelli e dalla Susan G. Komen Italia per offrire gratuitamente prestazioni cliniche e diagnostiche di prevenzione, soprattutto alle categorie più svantaggiate.

«Accorgersi presto di un tumore, soprattutto quando è negli stadi più precoci, vuol dire avere maggiori possibilità di guarigione, con cure meno invasive - spiega Riccardo Masetti, presidente della Susan G. Komen Italia - ma molte donne non effettuano con regolarità quei semplici esami di prevenzione secondaria che aiutano a proteggere la salute e questo è particolarmente vero nelle donne che vivono in condizioni di disagio socio economico».

Recenti studi hanno confermato che le donne appartenenti a fasce di reddito più basso che vivono in condizioni di povertà e di emarginazione sociale effettuano esami di prevenzione come la mammografia di controllo e screening con minore frequenza rispetto alle medie regionali e spesso rinunciano a prendersi adeguata cura della propria salute, scegliendo di destinare il proprio impegno e i propri risparmi risparmi verso altre esigenze primarie.

«Con la "Carovana della prevenzione" - prosegue Masetti - vogliamo ampliare le attività gratuite di promozione della salute che da tanti anni la Susan G. Komen Italia e la Fondazione Policlinico Gemelli offrono con la loro unità mobile di mammografia alle donne difficoltà o a rischio oncologico aumentato e portare nuove opportunità di prevenzione primaria e secondaria in luoghi dove queste non arrivano o arrivano con più difficoltà».   

Il progetto prevede la attivazione di due nuove Unità Mobili: una per facilitare la diagnosi precoce dei tumori ginecologici e di altre patologie oncologiche prevalenti nelle donne e una di prevenzione primaria, per offrire consulenze specialistiche e percorsi personalizzati utili all’adozione di stili di vita più corretti.

«Questo progetto di solidarietà sociale - spiega il presidente della Fondazione Policlinico Gemelli, Giovanni Raimondi - risponde alla missione del Policlinico di essere accanto, con conoscenza medica e assistenza anche di prossimità a tutte le persone, e in particolare alle più bisognose. Anche grazie a questa iniziativa itinerante il Gemelli si apre al territorio prendendosi cura delle persone socialmente più fragili e sensibilizzando tutti alla tutela della propria salute, attraverso la prevenzione e la diagnosi precoce. Il giro d’Italia che questa carovana si accinge a fare suggella inoltre lo storico sodalizio tra Gemelli e associazione Susan G. Komen, che tanti frutti ho già dato per la promozione della salute delle donne, e che porterà tanti altri benefici».

L'iniziativa prenderà il via da lunedì 1 ottobre, mese della prevenzione dei tumori al seno, nel corso di questo periodo la "Carovana" attraverserà da Nord a Sud nove regioni italiane offrendo consulti medici specialistici ed esami strumentali per la diagnosi precoce delle principali patologie oncologiche femminili nelle periferie, nelle case circondariali, nelle aree terremotate, nei centri di accoglienza ai migranti, nei conventi religiosi, nei centri anziani.

Le tappe. Brescia sarà la prima città ad ospitare le unità mobili nello spazio antistante la Parrocchia della Conversione di San Paolo, per offrire screening gratuiti a coloro che effettueranno la prenotazione, telefonando al numero 329-8549065. Il 2 ottobre, per  la prima volta, toccherà  Milano e sosterà nella Stazione Centrale. Il 3 ottobre si sposterà a Milano Rogoredo nell’ambito del progetto “Verso le donne”. Il 5 ottobre i camper torneranno a Brescia, città in cui si svolgerà anche la tre giorni (dal 6 all’8) dedicata alla  salute, allo sport e al benessere per la lotta ai tumori del seno, che terminerà l’8 ottobre con la “ Race for the Cure”.

«Per concludere nel modo migliore le attività che svolgeremo nel mese della prevenzione, stiamo organizzando per il 31 ottobre una speciale giornata nel Comune di Ostia alla presenza del ministro della salute Beatrice Lorenzin - spiega il direttore generale della Fondazione Gemelli, Enrico Zampedri - che da sempre sostiene con forza le iniziative di promozione della salute femminile».

Dai mesi successivi le attività della "Carovana" proseguiranno con almeno 10 giornate di promozione della salute femminile, ogni mese in regioni diverse, con l’obiettivo di garantire almeno 25.000 prestazioni mediche di prevenzione all’anno. Oltre all’offerta di servizi clinici, nelle varie tappe verranno organizzati laboratori di promozione dello sport e dell’attività fisica per gli studenti delle scuole inferiori e superiori, condotti insieme al Coni e all’Istituto di Scienza dello sport, oltre che incontri di aggiornamento continuo dedicati al personale medico, realizzati insieme alle istituzioni sanitarie territoriali.

«Lo sport e

l’attività fisica sono strumenti essenziali per la tutela della salute - spiega il segretario generale del Coni, Roberto Fabbricini- ed è importante educare i giovani ad adottare stili di vita sani. Svolgendo attività fisica adeguata all’età si vive di più e si vive meglio».

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics