Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Zaia rilancia la holding autostradale del Nordest

Luca Zaia, Governatore del Veneto

Il presidente del Veneto ripropone il progetto di una grande società interregionale delle autostradale. Incassando l'ok di Debora Serracchiani, deputata del Pd ed ex Governatore Fvg. Sull'ipotesi di una gestione pubblica delle infrastrutture viarie Zaia precisa però: «Il tema della statalizzazione non mi entusiasma».
 

VENEZIA. «Sarei per l'autonomizzazione delle autostrade, sulla base di esempi come Cav, Padova-Brescia e Brennero, che qui da noi funzionano».

Lo ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia sull'ipotesi di una gestione pubblica delle autostrade. «Le tre alternative possibili per la gestione delle autostrade sono quella totalmente privata, come nei casi Gavio e Benetton - ha aggiunto - quella pubblica di cui si parla attraverso l'ipotesi di nazionalizzazione e quella mista, il cui approccio n ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VENEZIA. «Sarei per l'autonomizzazione delle autostrade, sulla base di esempi come Cav, Padova-Brescia e Brennero, che qui da noi funzionano».

Lo ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia sull'ipotesi di una gestione pubblica delle autostrade. «Le tre alternative possibili per la gestione delle autostrade sono quella totalmente privata, come nei casi Gavio e Benetton - ha aggiunto - quella pubblica di cui si parla attraverso l'ipotesi di nazionalizzazione e quella mista, il cui approccio noi applichiamo anche a Cav, che formalmente è interamente pubblica».

«Le scelte non spettano a me, ma il tema della statalizzazione della rete autostradale non mi entusiasma». Ha aggiunto il presidente della Regione. «Se comunque si decidesse di fare questo passo, deve essere chiaro che, a regole invariate - ha aggiunto - il privato è più efficiente del pubblico, per cui l'operazione rischierebbe di essere un flop».

Al riguardo, Zaia ha proseguito: «Ci vuole meno ipocrisia, ammettendo che, in questo caso, occorrerebbe un nuovo patto sociale con i cittadini. Sarebbero tante le regole da cambiare: dalle procedure, alla burocrazia, agli stipendi da dare ai manager di cui il pubblico dovrebbe dotarsi. Il pubblico funziona - ha concluso - se si modificano le regole, altrimenti non funziona. È per queste ragioni, ad esempio, che si è inventato anche uno strumento come il project financing».

Il presidente ha poi rilanciato il tema della holding autostradale del Nord-Est. «Ne ho parlato io per primo, otto anni fa, e ho visto tanti sorridere di fronte alla mia idea - ha ricordato - così come quando ho rilanciato l'idea nel 2015». «Mi fa quindi solo piacere che adesso si parli di mettere l'intera rete regionale e interregionale in un unico contenitore, visto che penso che sia quanto mai attuale nel dibattito post Genova - ha concluso -. Immagino infatti che si possa ridisegnare la mobilità con le grandi infrastrutture, coinvolgendo anche il settore pubblico».