Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Vendemmia in crescita per il Pinot grigio delle Venezie

Dal Consorzio ci si attende un incremento della raccolta uve del 15-20%. In una nota del Consorzio si ricorda che nei primi sei mesi di quest'anno è stato superato il milione di ettolitri di vino certificato (1.003.615 hl), ossia il 73% del prodotto vendemmiato

VENEZIA. Partirà tra meno di dieci giorni la raccolta del Pinot grigio nell'areale della Doc delle Venezie. A darne notizia è il Consorzio di tutela che annuncia una vendemmia «molto buona per qualità e quantità con una crescita stimata tra il 15 e 20% sullo scorso anno come anticipato dalle previsioni della Regione Veneto e dell'Osservatorio del vino Uiv Ismea».

«Abbiamo iniziato - afferma il Presidente del Consorzio Doc delle Venezie Albino Armani - la nostra seconda vendemmia nel migliore ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VENEZIA. Partirà tra meno di dieci giorni la raccolta del Pinot grigio nell'areale della Doc delle Venezie. A darne notizia è il Consorzio di tutela che annuncia una vendemmia «molto buona per qualità e quantità con una crescita stimata tra il 15 e 20% sullo scorso anno come anticipato dalle previsioni della Regione Veneto e dell'Osservatorio del vino Uiv Ismea».

«Abbiamo iniziato - afferma il Presidente del Consorzio Doc delle Venezie Albino Armani - la nostra seconda vendemmia nel migliore dei modi festeggiando il superamento dei 100 milioni di unità imbottigliate». «Segno evidente - aggiunge - di quanto i mercati internazionali abbiano capito e accolto la nostra proposta di una filiera tracciabile che punta a riposizionare il Pinot grigio italiano del Nord-est con una forte identità territoriale».

Il presidente spiega inoltre che «numeri inequivocabili di una tendenza complessivamente positiva ha accompagnato la cessazione definitiva dell'imbottigliamento dell'Igt a partire dal 1° agosto 2018, chiudendo una fase storica del Pinot grigio del Nord-est, da qualche giorno in uscita dalle cantine ormai solo con la garanzia della Doc».

Dal punto di vista strettamente produttivo in una nota del Consorzio viene ricordato invece che «nei primi sei mesi di quest'anno è stato superato il milione di ettolitri di vino certificato (1.003.615 hl), ossia il 73% del prodotto vendemmiato, equivalente a oltre 130 milioni di bottiglie di Pinot grigio, già rivendicato a Doc e richiesto dai mercati esteri (con un imbottigliato effettivo che corre in parallelo e supera le 100 milioni di bottiglie), a conferma di un trend che prefigura la giacenza zero prima di fine campagna (dicembre 2018)». È segnalato infine che la filiera, attraverso il Consorzio di tutela, ha fatto richiesta di stoccaggio in vista di una vendemmia che si preannuncia abbondante rispetto allo scorso anno.