Quotidiani locali

Vai alla pagina su Nordest Economia
Danieli stima al 2018 ricavi verso i 2,5 miliardi

Danieli stima al 2018 ricavi verso i 2,5 miliardi

Il Gruppo Danieli occupa in Friuli-Venezia Giulia circa 6.000 persone tra diretti e indotto e contribuisce per quasi il 40% all'export annuo della provincia di Udine e per il 20% di quello regionale.

Il gruppo Danieli prevede di registrare per l'anno fiscale 2017/2018 ricavi per 2,45-2,55 miliardi di euro, con una media che è dunque sostanzialmente invariata rispetto ai 2,5 miliardi di euro di ricavi riportati per l'esercizio 2016/2017 terminato il 30 giugno scorso. L'Ebitda  è visto tra i 200 e i 220 milioni (contro 202,5 dell'esercizio precedenti) mentre il portafoglio ordini dovrebbe attestarsi fra i 2,8 e i 3,1 miliardi di euro.

La maggior parte dei ricavi dovrebbe arrivare anche il prossimo anno dalle attivita' legate alle costruzioni di impianti (1,6-1,65 miliardi di euro) mentre le attivita' di produzione di acciai speciali dovrebbero contribuire per 850-900 milioni.

Il mondo dell'acciaio sembra uscito dalla crisi anche grazie alle politiche protezionistiche del presidente americano Donald Trump. È l'opinione di Giampietro Benedetti, presidente del gruppo Danieli, tra i leader mondiali nella produzione e progettazione di acciaierie chiavi in mano, gruppo quotato alla Borsa di Milano, espressa a margine del Danieli innovation meeting (Dim) che ha richiamato a Buttrio 600 operatori di 70 paesi del mondo.

«Siamo convinti di essere, per quanto riguarda l'acciaio, in un nuovo 'new normal period' - ha spiegato Benedetti - i nostri clienti lo hanno sottolineato oggi. Se guardiamo da qui al 2035 si prevede un aumento del consumo dell'acciaio dell'un per cento all'anno fino al 2035, che equivale all'ultimo 'normal period' dal 1975 al 2000. Avremo quindi una economia più' frugale e noi - ha proseguito - dobbiamo attrezzarci pensando che l'economia andrà avanti con questo trend. Intanto godiamoci questo periodo facilitato anche dai dazi doganali imposti dagli USA a Cina e altri paesi esportatori». Per Benedetti il business dell' alluminio non ha dato i risultati sperati ma «Danieli continuerà a innovare e a potenziare la ricerca perché senza innovazione e ricerca non si può

crescere in un mondo globale. È una questione di sopravvivenza».

Il Gruppo Danieli occupa in Friuli-Venezia Giulia circa 6.000 persone tra diretti e indotto e contribuisce per quasi il 40% all'export annuo della provincia di Udine e per il 20% di quello regionale.
 

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista