Veggiano, assalto al furgone blindato: feriti 3 vigilantes

Un commando assalta le guardie giurate che stavano ritirando l’incasso del sabato sera dalla cassa continua del supermercato Iperlando. Nella sparatoria i 3 vigilantes rimangono feriti. Ricerche in tutta la provincia

    VEGGIANO Li hanno attesi nel piazzale dell’ipermercato e hanno fatto fuoco. Assalto al portavalori con tre guardie giurate ferite, l’incasso di 107 mila euro rubato e sei banditi armati fino ai denti in fuga. È successo ieri sera a Veggiano poco dopo le 21, davanti all’IperLando di via Galilei. In ospedale sono finiti tre vigilantes della Civis: Matteo Paggiaro, 24 anni, residente a Veggiano, figlio di un poliziotto, ricoverato in pronto soccorso con un trauma cranico; Maurizio Primucci, 56 anni, residente a Rovolon, ferito con un colpo di pistola alla gamba sinistra e trasferito subito in sala operatoria; Narciso Baldin, 46 anni, di Brugine, sequestrato e gettato dall’auto in corsa, trattenuto in ospedale per il forte stato d’ansia.

    IL COMMANDO. Le tre guardie giurate stavano terminando il giro per la raccolta del denaro, l’ultima tappa era proprio l’ipermercato Lando di via Galilei. Due di loro stavano uscendo dal caveau con il sacco pieno quando i sei banditi, armati con fucili a pompa e kalashnikov, li hanno assaliti alle spalle. Si erano nascosti all’interno del locale Zuma, attualmente in disuso e trasformato in un perfetto punto d’osservazione. I rapinatori avevano il volto coperto dai passamontagna e indossavano tute mimetiche. Hanno fatto fuoco immediatamente. Hanno sparato tre colpi di kalashnikov, di cui uno al finestrino dal lato del conducente per convincerlo a scendere. Poi li hanno fatti sdraiare a terra tutti e tre, disarmandoli. Matteo Paggiaro è stato colpito alla testa con il calcio della pistola mentre Maurizio Primucci è stato raggiunto alla gamba sinistra da un colpo della sua stessa pistola, in quel momento stretta in pugno da uno dei banditi. Volevano aprire il portellone del furgone per mettere mano a tutto il denaro raccolto, ma alla fine si sono dovuti accontentare solo del sacco contenente i soldi dell’IperLando.

    SEQUESTRATO. Il terzo vigilante è stato preso come ostaggio, caricato in macchina e trasportato per circa 500 metri. Alla fine è stato spinto fuori dall’auto in corsa e buttato in un fossato. Così facendo si sono garantiti la fuga a bordo di un’Audi A4 station wagon di colore scuro e di un’utilitaria di cui però non si conosce ancora il modello.

    LE INDAGINI. Carabinieri e polizia hanno organizzato posti di blocco in tutto il Veneto nel tentativo di rintracciare i fuggitivi. Sul posto sono stati trovati cinque bossoli: tre di kalashnikov, uno della pistola della guardia e un altro sconosciuto.Il modo in cui ha agito questo commando ricorda molto le vecchie bande di giostrai che hanno terrorizzato il Nordest alla fine degli anni ’90, sia per la violenza usata che per la tipologia di armi utilizzate.

    22 aprile 2012

    Lascia un commento

    Casa di Vita

    Hai mai incontrato una citrullina?

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.

     PUBBLICITÀ