Ceneri MISCHIATE

Cremazioni Il Comune è chiamato a rispondere

Colpo di scena all’udienza prelimare sul procedimento per le ceneri mescolate. Le parti civili hanno chiesto che il Comune di Padova, già parte civile nei confronti degli imputati, fosse dichiarato...

    Colpo di scena all’udienza prelimare sul procedimento per le ceneri mescolate. Le parti civili hanno chiesto che il Comune di Padova, già parte civile nei confronti degli imputati, fosse dichiarato anche responsabile civile, visto che a Palazzo Moroni era da contestare l’omesso controllo. Il Gup Mariella Fino ha accettato la richiesta, rinviando all’udienza del 14 febbraio prossimo facendo in modo così che l’amministrazione comunale si avvalesse di due distinti legali. I due imputati sono Dario Ferro, 32 anni di Rubano, e Rossano Ferro, 40 di Saccolongo, entrambi dipendenti della Nord-Est Cremazioni, accusati di soppressione e vilipendio di cadavere nonché di peculato in seguito alla sparizione di una bara. Il pm Renza Cescon ha sollecitato il rinvio a giudizio dei due, protagonisti della clamorosa indagine sull'impianto crematorio del cimitero Maggiore avviata in seguito a un controllo dei carabinieri del Noe avvenuto nel 2008 nell'ambito di una più generale ispezione messa a segno in tutt'Italia. Si scoprì che all'interno di un raccoglitore, erano custodite le ceneri di tre salme. Ceneri mescolate, i resti appartenevano a una donna e a due uomini bruciati il giorno precedente.

    27 ottobre 2011
    Casa di Vita

    Amaranto, il falso cereale amico della linea

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.

     PUBBLICITÀ